For Cerrano Charter subscription and join to AdriaPAN see "How to Join" above/ Per la sottoscrizione della Carta di Cerrano, che consente l'adesione ad AdriaPAN, vedi "How to Join" sopra.
__________________________________________________

9 December 2011

MedPAN General Assembly - Vodice (HVR)

.
Si sono svolti a Vodice in Croazia tra il 28 novembre ed il 2 dicembre i lavori dell'Assemblea Generale del MedPAN, la rete delle aree protette del Mediterraneo, all'interno della quale si muove AdriaPAN come indicato espressamente nella Carta di Cerrano.
Presenti molti membri di AdriaPAN, l'occasione è stata utile per presentare le attività svolte da AdriaPAN fino ad oggi. Durante le giornate di lavoro si è potuto avviare un intenso scambio di informazioni e contatti per le future iniziative progettuali e si è avuta l’opportunità di candidare il Segretariato di AdriaPAN ad uno specifico contributo finanziario messo a disposizione dal MedPAN a valere sui fondi della Fondazione Principe Alberto II di Monaco e Fondazione MAVA per la Natura.

Were held in Vodice in Croatia between November 28 and December 2 the General Assembly MedPAN, the network of protected areas in the Mediterranean, in which moves AdriaPAN as expressly stated in the Charter of Cerrano.

Many members of AdriaPAN were present to the meeting and the occasion has been was useful to present the activities carried out by AdriaPAN in the last three years.

During these days an intensive exchange of information and contacts has been carried on for future planning initiatives anwith MedPAN trought the funds of the Foundation Prince Albert II of Monaco and MAVA Foundation for Nature.

Info: http://www.medpan.org/?arbo=accueil

.

28 November 2011

BySEAcle & ChaMon: GONE!

.

Nell’ambito del coordinamento delle aree protette dell’Adriatico “AdriaPAN” sono stati promossi due progetti da candidare a finanziamento europeo: uno per la promozione e valorizzazione di un turismo sostenibile che si basi sull’uso della bicicletta, denominato “BySEAcle” di quasi tre milioni di Euro, e l’altro per la tutela degli ecosistemi costieri di maggior pregio in Adriatico legati alla presenza del Fratino e della Foca monaca, denominato “ChaMon” e dell’importo di oltre quattro milioni di Euro.
In occasione della pubblicazione del bando della UE sul programma di finanziamento IPA Adriatico, arrivato in scadenza proprio in questi giorni, sono stati presentati entrambi i progetti individuando come capofila, tra le tante aree protette coinvolte, italiane ed estere, il Parco Nazionale del Gargano per il progetto “ChaMon” ed il Parco Naturale di Monte San Bartolo per il progetto “BySEAcle”.


Both the project coordinated within the AdriaPAN has been presented to the second call of the IPA Adriatic Ordinary EU Program.

The Lead Applicant of the two project are the Natural Park of Monte San Bartolo, for "BySEAcle" and the National Park of Gargano for "ChaMon". In the images the partnership.
.

26 November 2011

Life Project Re.S.c.We. go on


Proseguono di buona lena le attività del progetto ReScWe: si sono concluse definitivamente le procedure di selezione per l’assegnazione degli incarichi di progettazione e realizzazione delle opere di ripristino ecologico. Aggiudicatario dell’incarico di progettazione è risultato essere, a marzo 2011, lo Studio associato Silva, società di ingegneria con sede a Bologna, la realizzazione delle opere, aggiudicata a ottobre 2011, spetta invece alla ditta Verdimpianti di Rovigo. Il progetto sarà inoltre presentato nel corso del convegno MedPAN, delle aree marine protette del Mediterraneo che si terrà a Vodice, in Croazia, dal 27 al 29 Novembre.

Re.S.c.We. activities are going on at a good pace: the selection procedures to award the contracts for the execution plans and the construction works for the ecological restoration have been concluded. In March 2011, the contractor for the planning is found to be the Studio Silva, an engineering company based in Bologna, while the execution of works has been awarded, in October 2011, to the company Verdimpianti settled in Rovigo. The project will also be presented during the MedPAN conference of the marine protected areas in the Mediterranean Sea which will be held in Vodice, Croatia, on November 27th to 29th .

Info on: www.life-rescwe.it

12 November 2011

Affronte M., "Viaggio Adriatico", 2011

.
Per molti l'Adriatico è un mare minore: acque troppo basse, spesso torbide, fondali limacciosi. Un mare per turisti che ne amano soprattutto le spiagge e le rive che degradano dolcemente. Pochi ne apprezzano la biologia e la varietà di vita; pochissimi lo conoscono per davvero. "Viaggio Adriatico" è un libro sull’altro Adriatico, quello “sotto”, quello vivo e a volte dimenticato. Appunti, notizie, storie, raccontano di delfini, balene, tartarughe, pesci luna, squali, tonni, pesci, molluschi e crostacei che lo popolano così come riempiono le oltre 230 pagine di questo libro. Un mare che è come una culla. Le acque basse sono un rifugio, e se poi sono anche ricche di cibo ecco che diventano un ambiente accogliente e florido. Ma anche un mare fragile e delicato, messo in pericolo ogni giorno dagli scarichi di mille città, da una pesca intensiva, dalla maleducazione o l’incuria di chi non sa, per ignoranza o per pigrizia, apprezzarne le qualità oltre alle belle coste e ai porti accessibili.Il libro è una raccolta di scritti, tutti ovviamente con un filo comune, l'Adriatico appunto. Sono capitoli, in genere brevi che raccontano di storie, di ricerche compiute, di curiosità biologiche; informazioni e notizie in genere difficili da trovare in quanto disperse, o perché accessibili solo agli addetti ai lavori. Il tutto con linguaggio accessibile, nell'ottica della divulgazione scientifica.

Contiene 5 parti: Vite Adriatiche, Cetacei, Tartarughe, Squali, Luoghi e altre storie.


Il libro è disponibile nelle librerie online ma si può già acquistare direttamente dall'autore, sia come ebook che come libro cartaceo, andando sul sito http://www.viaggioadriatico.net/




The Adriatic Sea is widely regarded as a “secondary” sea: waters are too low, often murky, and muddy bottoms. A sea for tourists who especially love its beaches and shores. Few people appreciates the biology and diversity of its life.“Viaggio Adriatico” is a book on the Adriatic sea, the one "below", the living and sometimes forgotten one. Notes, news, stories, tell of dolphins, whales, turtles, sunfish, sharks, tuna, fish, molluscs and crustaceans that inhabit it as well as fill the pages of this book.The sea is like a cradle. The shallow waters are a refuge for many species.But it’s even a fragile and delicate sea, endangered every day by waste from a thousand cities, from intensive fishing, from the rudeness or neglect.


The book (in Italian language) can be bought here: www.viaggioadriatico.net


.

1 November 2011

San Giovanni in Venere continues to grow

.
Continua a crescere la Riserva “dimenticata”. Sono arrivati il logo, partorito dalla penna dell’artista Franco Sacchetti di Vasto, un nuovo percorso mtb/pedonale di 5 Km, definito dall’esperto bosniaco Tihomir Dakic e la mascotte, che sicuramente farà felici i più piccoli, Spider Mouse della grafica bulgara Polina Stoyanova, nati all’interno del Corso di formazione UE sulle Aree Protette, Green areas for social and economic youth development promosso da Arci e Amministrazione Comunale con il supporto del Programma “Youth in action” della UE. Altro momento importante per la Riserva Naturale Regionale “San Giovanni in Venere”, individuata dalla Legge Regionale n°05/2007, si è avuto nell’ultimo Consiglio Comunale di martedì 25 ottobre con l’approvazione con voti unanimi del Regolamento che andrà a normarne la gestione, la fruizione e l’attuazione delle norme di salvaguardia. “Dopo la definizione del Piano d’Azione - afferma Andrea Natale, Assessore all’Ambiente di Fossacesia – avvenuta nel 2010, con il regolamento andiamo a definire gli organi di gestione, le modalità della stessa e normiamo la fruizione, dando attuazione alle misure di salvaguardia definite dalla L.R. n° 05/2007. Allo stato attuale – precisa Natale – siamo l’unica Riserva Regionale nata con la suddetta legge ad avere gli organi di gestione definiti, un Piano d’Azione e un regolamento per operare, nelle more della attribuzione delle risorse economiche per elaborare il Piano di Assetto Naturalistico ed attuarlo. Stiamo predisponendo le progettualità idonee a utilizzare i fondi FAS con la volontà di creare una maggiore attrattività, valorizzare l’esistente e dare occupazione, in un momento così difficile il futuro sono le aree protette gestite con professionalità, competenza e passione”.


.

Nature Regional Reserve “San Giovanni in Venere” were defined the logo, born from the pen of the artist Franco Sacchetti of Vasto, a new path (bike/pedestrian) for about 5 km, established by the Bosnian Tihomir Dakic and the mascot, which surely will please the childrens, Spider Mouse by the graphics Bulgarian Polina Stoyanova, born within the EU Training Course on Protected Areas, Green Areas for Social and Economic youth development promoted by Arch and City Council with the support of the program "Youth in Action" of the EU.
Another important moment in the Nature Regional Reserve "San Giovanni in Venere", identified by the Regional Law No. 05/2007, has had in the last City Council Tuesday, 25 October with the approval with a unanimous vote of the Regulations which will be define management, use and safeguard implementation.

.

2 October 2011

A book on Adriatic MPA network

.
Pubblicato a Lubiana il rapporto completo del Workshop internazionale "Verso una rete rappresentativa delle aree marine protette in Adriatico" tenutosi a Pirano, in Slovenia, il 28 ottobre 2010. Il libro, 194 pagine, è edito in inglese come supplemento di "Varsto Narave" (Nature Conservation), un periodico per la ricerca e la pratica della conservazione della natura pubblicato in Slovenia

Published in Lubljana the full report of the International Workshop "Towards a rapresentative Network of Marine Protected Areas in the Adriatic" held in Piran, Slovenia, 28th October 2010. The book, 194 pages, has been edited in english as a supplement of "Varsto Narave" (Nature Conservation), a periodical for research and practise of nature conservation published in Slovenia.

Varsto Narave, Supplement n.1, Lubljana 2011. ISSN 0506 4245.

Editor address: Zavod Republike Slovenije za varso narave - Tobacna ulica, SI-1000 Ljubljana - Slovenia.
.

PhD course Teramo (Ita)-Zadar (Hvr)



The Ph.D programme in Sociology of Regional Development, leading to a Joint Doctoral Degree, is organised by the University of Zadar (HR – coordinating university) and the University of Teramo (I). It has started in the academic year 2010/2011 and is the first Joint Doctoral Programme offered by a consortium of an Italian and a Croatian university in the Adriatic-Ionian region on the subject of regional and local development.
The doctoral programme organized by the universities of Zadar and Teramo is one of the first major academic outgrowths of the many initiatives stressing the importance of academic cooperation in the region from the 1990s onwards such as the Adriatic-Ionian Initiative, the Adriatic Euroregion, the Central European Initiative, the Adriatic-Ionian University Network and the Euro Mediterranean University.
Consistently with the requirements of the Bologna reform, the workload of the doctoral programme amounts to 180 ECTS credits. In other words, the overall minimum duration of stud¬ies is six semesters, out of which a minimum of 30 ECTS have to be achieved at one of the two core partner universities (Zadar and Teramo). Students can also apply to spend an additional semester at one of the mobility partners of the programme.
Admission to this Ph.D programme is normally only granted to persons who have both completed an academic degree of at least 180 ECTS credits and a graduate degree of at least 120 ECTS (bachelor’s degree or equivalent programme of at least 180 ECTS, plus graduate degree such as Magistar for Croatia or Laurea Magistrale for Italy).
Costs for participation in the Ph.D programme, travel expenses and costs for room and board must be covered by the students themselves. Financial subsidies can be applied for through ex¬isting and forthcoming mobility programmes and grants.
Info: http://www.facebook.com/pages/Soc-Reg-Joint-Doctorate/143663945705265?sk=wall&filter=2
.

22 August 2011

"Adriatic Flyway" by Euronatur on line

.



"Adriatic Flyway – Closing the gap in bird Conservation" è il titolo del volume pubblicato a cura di Damijan Denac, Martin Schneider-Jacoby e Borut Stumberger per Euronatur, scritto per raccogliere le esperienze della prima "Conferenza Adriatica sulle rotte migratorie" tenutasi ad Ulcinj, Montenegro, il 17 aprile 2009.

"Adriatic Flyway – Closing the gap in bird Conservation" in the title of the book edited by Damijan Denac, Martin Schneider-Jacoby and Borut Stumberger for Euronatur to write the experience of the first "Adriatic Flyway Conference" held in Ulcinj, Montenegro, on 17th April 2009.

Il Volume è reperibile su:
The entire book is available on:
http://www.coe.int/t/dg4/cultureheritage/nature/bern/News/Cyprus/Publication_Adriatic_Flyway.pdf

.

6 August 2011

BySEAcle Workshop in Ancona 05.09.2011

.
Facendo seguito alla pubblicazione del Bando per la II Ordinary Call del programma IPA Adriatico, è stato annunciato un Workshop, inerente il progetto BySEAcle che si terrà il 5 Settembre 2011 ad Ancona, presso la sede della Regione Marche.

La partecipazione è gratuita ma è obbligatoria la prenotazione esplicitando il proprio interesse al seguente indirizzo: adriaticprotectedareasnetwork@gmail.com

.
Following the publication of the Second Call of the IPA Adriatic CBC program, there will be a workshop about BySEAcle project on September the 5th in Ancona, in the Marche Region headquarters. Participation is free but registation is obbligatory writing to: adriaticprotectedareasnetwork@gmail.com

.



.

27 July 2011

Fourth Call SEE Programme

The SEE Programme will open its last call allowing the submission of proposals in all the Priorities and Areas of Interventions (AoI). The 4th and last call for project proposals is foreseen to open in week 40 (between 3-7 October 2011) and to close in week 47 (between 21The SEE Programme will open its last call allowing the submission of proposals in all the Priorities and Areas of Interventions (AoI). The 4th and last call for project proposals is foreseen to open in week 40 (between 3-7 October 2011) and to close in week 47 (between 21-25 November 2011)-25 November 2011)
Under this call, applicants will be able to submit proposals under all the Programme Priorities and Areas of Intervention.
The funds available for the 4th call for proposals will be of at least 43 Million Euro ERDF, more than 6 Million IPA and 1 Million ENPI. Additional funds might become available in case of savings from already approved projects. The ERDF allocation to each of the aforementioned 4 priorities is subject to an approval procedure by the European Commission. Additional information will be provided in due time on this web page.
Applicants are invited to start already at this stage the development of their project proposals.
In order to meet the requirements of the Programme and to gain an understanding of the expectations of the Programme the following documents shall be downloaded and read carefully:
SEE 4th Call pre-announcement: summarizing the main elements of the call (projects' duration, funds available, etc.);
SEE Programme Manual 4th Call (pre-announcement version 4.1): providing a detailed guidance on how to prepare the project proposal and the characteristics the proposals submitted under this call should have;
SEE 4th Call Application Form: which is the reporting all the data that will have to be collected and submitted via the Programme web based monitoring system (IMIS) once the call will be officially open (beginning October 2011).
Further to the above mentioned, in order to steer and guide the project generation process towards achieving the Programme objectives the SEE management bodies, with the support of selected experts, prepared a "Background Study" which analyses the programme results achieved so far as well as the current programme strategy in light of the new developments/trend in the region. The study is providing some "food for thoughts" that might be helpful to consider when developing a new proposal. However, applicants shall be aware that the contents of this document can not be considered in any form as mandatory, being the document a consultative tool.
Further information can be obtained contacting the SEE JTS and/ or the SCP network

21 July 2011

ChaMon News

.
ATTENZIONE Whorshop spostato a fine settembre in attesa data conferma

Riparte ChaMon
Reti ecologiche in Adriatico per Fratino e Foca Monaca
Il progetto ChaMon sarà presentato nella prossima call del programma IPA-CBC, prevista per la prima settimana di agosto. Il Parco Nazionale del Gargano è il Lead Applicant del progetto e sta organizzando un workshop che si terrà a Monte Sant'Angelo (FG) in data 01/09/2011. Eventuali ulteriori partner interessati sono pregati di contattare i curatori del progetto ChaMon all’indirizzo: adriaticprotectedareasnetwork@gmail.com

Pay ATTENTION Whorshop postponed to the end of September, waiting for confirm.

Restart ChaMon
Ecological networks in Adriatic sea for Kentish povler and Monk seal
The ChaMon project will be presented in the next call of IPA- CBC program, scheduled for the first week of August. Gargano National Park is the Lead Applicant of the project and is organizing a workshop to be held in Monte Sant'Angelo (Italy, FG) on 01/09/2011. Any additional partners are invited to contact the curators of the Chamon project at: adriaticprotectedareasnetwork@gmail.com

.

2 July 2011

MedPAN and AdriaPAN cooperation

17 June 2011

BySEAcle is back

.
Riparte il progetto BySEAcle con l’ idea di mettere in collegamento tra loro le Aree Protette dell’ Adriatico con forme di trasporto sostenibile. Tutto incentrato sull’ uso della Bicicletta e alla sua particolare vocazione al turismo sostenibile e alla sua facilità di integrarsi con le infrastrutture di trasporto esistenti (ferroviarie, marittime, su gomma), promovendo una rete di sistemi di trasporto integrati e intermodali per garantire una mobilità sostenibile con cui spostarsi attraverso i diversi percorsi ciclabili attrezzati alla scoperta delle meraviglie delle Aree Protette adriatiche.
In più l’idea di sviluppare una rete di servizi, informazioni e comunicazioni messi a disposizione dei singoli turisti o dei tour operator in risposta alla diffusione di una forma di turismo sempre più attento e responsabile (Turismo Naturalistico).
Come era previsto il progetto potrà essere presentato sul programma IPA Adriatico di cooperazione transfrontaliera riservato alle regioni costiere dell’ Adriatico, di cui è prevista a breve la pubblicazione del Bando con tasso di cofinanziamento dell’ 85%. Il progetto risponderà alla Priorità 3 “Accessibilità e Reti” nella Misura 3.2 “Sistemi di Mobilità Sostenibile”.
Attualmente il progetto, nato con il coordinamento di AdriaPAN, prevede nel partenariato l’ adesione di molte Aree Protette, ma questo può essere ampliato a chiunque (Aree Protette enti pubblici e realtà private) fosse interessato a partecipare al progetto come partner o semplicemente come associati. Unico problema attuale è la mancanza di un Lead Applicant già dichiarato anche se c'è un interesse da parte della Regione Abruzzo.
L’ attuale partenariato ha già l’adesione dei seguenti partner :
Area Marina Protetta Torre del Cerrano;
Ente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga - Assergi (AQ);
Ente Parco Nazionale Monti Sibillini - Visso (MC);
Ente Parco Regionale Conero – Ancona;
Riserva Naturale Regionale Sentina - S. Benedetto del Tronto (Ap);
Paklenica Park Prirode - Zadar;
Kornati National Park – Murter;
Vrana Lake Park PRirode – Sibenik;
Narta Lagoon Park – Vlore;

Per qualsiasi informazione e gli eventuali ulteriori partners interessati si prega di contattare i curatori del progetto BySEAcle all’ indirizzo adriaticprotectedareasnetwork@gmail.com

Restarts the project with the idea to join the Protected Areas Adriatic with sustainable forms of transport. All focused on the bicycle and its special vocation to sustainable tourism and its easy to integrate with the existing transport infrastructure (rail, sea, road), to promoting a network of transport system integrated and intermodal to ensure sustainable mobility to navigate through the different cycling paths equipped to discover the wonders of Protected Areas in the Adriatic Sea.
In addition the idea of developing a network of services, informations and communications available to individual tourists and tour operators in response to the spread of a form of tourism more and more careful and responsible(Natural Tourism).
As was expected the project will be presented to the IPA Adriatic CBC, restricted to coastal regions of the Adriatic, which is expected soon with the publication of the announcement of co-financing rate' 85%. The project responds to Priority 3 "Accessibility and Networks" in Measure 3.2 "Sustainable Mobility Systems".
Currently the project, originated with the coordination of AdriaPAN, the partnership provides the membership of many protected areas, but can be extended to anyone is interested in participating in the project as associated partners or simply as (Protected Areas public body and private companies). Only problem is the lack of a Lead Applicant.
The current partnership has already adhesion of the following partners:
Consorzio Ges. Area Marina Protetta Torre del Cerrano - Comuni Pineto e Silvi, Prov. Teramo, Reg. Abruzzo;
Ente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga - Assergi (AQ);
Ente Parco Nazionale Monti Sibillini - Visso (MC);
Ente Parco Regionale Conero – Ancona;
Riserva Naturale Regionale Sentina - S. Benedetto del Tronto (Ap);
Paklenica Park Prirode - Zadar;
Kornati National Park – Murter;
Vrana Lake Park PRirode – Sibenik;
Narta Lagoon Park – Vlore;
For any Info and Other interested partner are invited to contact the BySEAcle project to:
adriaticprotectedareasnetwork@gmail.com

.

16 June 2011

Petition: Adriatic Sea in the UNESCO List of World Heritage Sites

.


L’associazione HabitatLAB onlus ha sottoscritto la Carta del Cerrano aderendo così ad AdriaPAN. Tra le numerose iniziative promosse dall’associazione vi è la petizione popolare per il riconoscimento del “MARE ADRIATICO” come appartenente al Patrimonio Naturale Culturale Mondiale dell’Umanità da parte dell’UNESCO.

Si può aderire alla petizione cliccando sul link http://www.petizionepubblica.it/?pi=P2011N6697.

The HabitatLAB non-profit association has signed the Cerrano Charter and so it join in AdriaPAN. Among the many initiatives promoted by the HabitatLAB there is petition to nominate the "ADRIATIC SEA " to the status of World Cultural and Natural Heritage by UNESCO.


.

14 June 2011

ChaMon go on

Reti ecologiche in Adriatico per Fratino e Foca monaca
La creazione di una vera e propria rete ecologica, tra le aree protette, è il primo passo per la conservazione della biodiversità. Alcune specie si prestano meglio di altre nella creazione di una rete ecologica come prima esperienza nell’ambiente Adriatico. La protezione di alcune di queste, che occupano diversi tipi di habitat, porta anche il vantaggio di conservare l’ambiente marino costiero caratteristico di questo mare. Si prevede di lavorare su due specie simbolo: un mammifero, la Foca monaca del Mediterraneo (Monachus monachus), ed un uccello, il Fratino (Charadrius alexandrinus). Due specie che presentano una vasta distribuzione e che abitano i due habitat più tipici dell’ Adriatico: rispettivamente le grotte dei litorali rocciosi e le coste sabbiose.

Questi i prossimi passi:
1) A breve ci sarà la call per i bandi IPA-Adriatico CBC con tasso di cofinanziamento dell’85%
2) Il progetto ChaMon sarà presentato nel programma IPA-Adriatico CBC nella priorità 2 (Risorse Naturali, culturali e prevenzione dei rischi) con la misura 2.1 (Protezione e sviluppo dell’ambiente marino costiero) o in alternativa nella priorità 1 (Cooperazione economica, sociale e istituzionale) con la misura 1.1 (Ricerca e innovazione)
3) Il Parco Nazionale del Gargano si trova in difficoltà e non è riuscito ad organizzare lo scorso gennaio/febbraio il workshop promesso nella comunicazione del 2/01/2010
4) Nel partenariato ci sono le seguenti AAPP:
Parco Delta del Po Emilia Romagna- Ravenna, Comune di Senigallia (AN) -Comune di Fermo -Diatomea ricerca e progettazione, Ente Parco Regionale Conero – Ancona Riserva Naturale Regionale Sentina- S. Benedetto (Ap), -Consorzio Ges. Area Marina Protetta Torre del Cerrano cioè Comuni Pineto e Silvi, Prov. Teramo, Reg. Abruzzo, Lecceta di Torino di Sangro – Chieti (Aq) -IAAP, Ist. Abruzzese A.P. Wwf, Parco Nazionale del Gargano – Foggia -Area Marina Protetta Isole Tremiti – Foggia, Kornati National Park – Murter Brijuni National Park – Pola Mlijet National Parc- Milijet Lastovo Park Prirode - Lastovo Punta Promontore – Pola, Monachus monachus Associazione

Eventuali ulteriri partners interessati sono pregati di contattare i curatori del progetto ChaMon all’indirizzo adriaticprotectedareasnetwork@gmail.com

Ecological networks in Adriatic sea for Kentish povler and Monk seal.
The creation of a real ecological net, between protected areas, is the first step for the conservation of biodiversity. Some species are better than other as first experience in the Adriatic environment. The protection of some species, which occupies different kind of Adriatic habitat, brings also the advantage to preserve the marine and coastal habitat characteristic of this sea. Some of these species could be the Mediterranean Monk seal (Monachus monachus) and the Kentish plover (Charadrius alexandrinus), because of their wide range of distribution and the fact that they live in the two more typical habitat of Adriatic sea: rocky and sand littoral.
The project aims to achieve this through a set of concerted actions which will include plans for sustainable development and efforts to raise the awareness of the local communities.
Pay attention to the following point:
1) Soon there will be a call for Announcements IPA Adriatic CBC with co-financing rate of 85%
2) The ChaMon project will be presented in the IPA Adriatic CBC program in priority 2 (Natural and Cultural Resources and Risk Prevention) with the measure 2.1 (Protection and enhancement of marine and coastal environment) or as in alternative in priority 1 (Economic, Social and Institutional Cooperation) with the measure 1.1 (Research and innovation)
3) Gargano National Park is in difficulty so it couldn’t organize the workshop promised for.last january / february in the email dated 02/01/2010
4) In partnership there are the following AAPP: -Parco Delta del Po Emilia Romagna- Ravenna; -Comune di Senigallia (AN); -Comune di Fermo; -Ente Parco Regionale Conero – Ancona; -Riserva Naturale Regionale Sentina- S. Benedetto (Ap); -Area Marina Protetta Torre del Cerrano; -Lecceta di Torino di Sangro – Chieti -Parco Nazionale del Gargano – Foggia;- Kornati National Park – Murter; -Area Marina Protetta Isole Tremiti – Foggia; -Diatomea research and planning; -IAAP, Ist. Abruzzese A.P. Wwf. Brijuni National Park – Pola; Mlijet National Parc; - Milijet Lastovo Park Prirode – Lastovo; Punta Promontore – Pola; Monachus monachus Association

Other interested partner are invited to contact the ChaMon project to: adriaticprotectedareasnetwork@gmail.com


.

31 March 2011

Fundraising and Protected Areas in Italy

I prossimi 15 e 16 aprile 2011, presso il Centro Visite di Farindola del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e con l'appoggio alla Riserva Naturale Lago di Penne, si svolgerà un seminario sul tema della raccolta fondi per le aree protette ed in cui si parlerà anche di AdriaPAN. L'organizzazione degli eventi è a cura di AIDAP-Associazione Italiana Direttori e funzionari Aree Protette, associazione tra i membri fondatori di AdriaPAN. Alcune delle attività del primo giorno sono riservate ai soci AIDAP.

On april 15th and 16th, 2011 in the
National Park of Gran Sasso e Monti della Laga and "Lago di Penne" Natural Reserve, will be held a meeting about AdriaPAN project and Funraising for protected Areas. The activities are organized from AIDAP-Association of Manager of Italian Protected Areas, founding member of AdriaPAN.
Some activities on the first day are reserved only to the AIDAP member.

INFO: www.aidap.it .

29 March 2011

TEA Project on 2011, June the 4th

. .
La Riserva Naturale Lecceta di Torino di Sangro (Abruzzo-Italia) insieme alla SHI (Societas Herpetologica Italica) e la Riserva Naturale di San Giovanni in Venere (Fossacesia, Abruzzo-Italia), sta elaborando il Progetto TEA (Testudo hermanni ed Emys orbicularis in Adriatico) per realizzare una rete nella rete tra Riserve, Parchi Naturali e Siti Natura 2000 per confrontare le esperienze di gestione ed incrementare la conoscenza sulle due specie. La data ipotizzata per il primo workshop è il 4 giugno 2011 mattina/pomeriggio presso il Centro Visite della Riserva a Torino di Sangro (Ch). La partecipazione è gratuita e la lista dei partecipanti è ancora aperta. Per informazioni contattare Andrea Rosario Natale su info@leccetatorinodisangro.it. . .

Lecceta of Torino di Sangro Naturale Reserve (Abruzzo-Italy), with IHS (Italian Herpetologica Society) and San Giovanni in Venere Natural Reserve (Fossacesia, Abruzzo – Italy) is going to develop the TEA Project (Testudo hermanni and Emys orbicularis in Adriatic) with the aim of a net in the AdriaPAN net among Reserves, Natural Parks and Natura 2000 sites for sharing experiences and improve the knowlegde on this two species. The proposed date is for 4th of June, 2011 (morning and/or afternoon) in the Torino di Sangro (Chieti-ITA), Lecceta Natural Reserve Visit Center for work togheter for the construction of the project. Partecipation is free and for any information contact Andrea Rosario Natale

info@leccetatorinodisangro.it
. .

4 March 2011

AII Round Table. Podgorica 18.03.2011

.
The Ministry of Foreign Affairs and European integration of Montenegro in cooperation with Ministry od Sustainable Developement and Tourism of Montenegro organize the Round Table on Environmental Protection which will be held under the Adriatic–Ionian Initiative - Chairmanship of Montenegro. The Round Table will take place on Friday, March 18 2011, at the Best Western Premier Hotel, street Svetog Petra Cetinjskog 145, in Podgorica, Montenegro.

For any additional information contact milena.rmus@mrt.gov.me
.

26 February 2011

19.03.2011 "PRIT" Workshop in Fossacesia (Ita)

.

Con la "Riserva Naturale di San Giovanni in Venere ", Fossacesia-Abruzzo (Italia), sarà organizzato il primo workshop sul PRIT, Progetto "Parco di risorse immateriali del territorio".
La data fissata è per il 19 marzo 2011. Nel pomeriggio di Sabato si lavorerà insieme per la costruzione del progetto. La partecipazione è gratuita e la lista dei patecipanti è ancora aperta.
Per per qualsiasi informazione contattare assessorenatale@comune.fossacesia.ch.it.

With "San Giovanni in Venere Natural Reserve", Fossacesia -Abruzzo (Italy), is going to be organized the first workshop on PRIT Project "Park of Immaterial Resources of the Territory".The date is for 19th of March, 2011. During the afternoon of Saturday everybody will work togheter for the construction of the project.Partecipation is free and for any information contact assessorenatale@comune.fossacesia.ch.it
.

21 January 2011

PRIT, a New project for AdriaPAN members

.

Progetto per un PARCO delle RISORSE IMMATERIALI del TERRITORIO (P.R.I.T.)
Esiste nel nostro territorio un patrimonio di tradizioni, saperi, pratiche dell’oralità che si differenziano da altre risorse (ad esempio risorse naturali, edifici di valore storico, complessi archeologici, ecc.) per il fatto di non essere tangibili. Per tale caratteristica fondamentale questo patrimonio rischia di non rimanere, di non essere tramandato, di scomparire, tanto più in una società che sembra aver smarrito la capacità di memoria.
Il progetto per la costituzione di un “Parco delle risorse immateriali” potrebbe promuovere e garantire la conoscenza, la tutela, la vita, l’ulteriore sviluppo nel tempo, la fruibilità delle risorse immateriali.
Centro propulsore dell’intero progetto la Riserva Naturale Regionale “Lecceta di Torino di Sangro”, con le aree territoriali dei Comuni circostanti.
Le aree tematiche che il progetto individua sono essenzialmente tre: le persone, con il loro patrimonio immateriale (saperi artigianali, racconto, canto, ecc.), la memoria, i luoghi.
Il “Parco” si struttura in aree disciplinari di ricerca e ritrova connotazione pratica in una serie di attività, come di seguito elencate.

Aree di ricerca:
· Narrazione orale (narratori, tecniche di narrazione, repertorio di storie, codici gestuali, ecc.);
· Ulteriori pratiche del corpo e della parola (canto popolare, teatro, danza, creazione poetica, ecc.);

· Altri saperi.

Attività:
· Censimento delle persone e dei loro saperi;
· Mappa delle persone, dei luoghi e dei saperi;
· Parco delle storie (l’indicazione dei depositari e dei luoghi dove ascoltare le storie proprie del patrimonio orale);
· Raccolta di testimonianze;
· Visite guidate (semplici, lungo un percorso che consenta di intercettare persone, luoghi e materiali del “Parco”; “speciali”, che prevedono la permanenza degli ospiti per un’intera giornata);
· Laboratori teatrali;
· Il “Paese dei racconti”;
· Mostra;
· Viaggio in un luogo;
· Biblioteca multimediale;
· Materiale informativo.

La finalità ultima del progetto, denominato “Parco delle risorse Immateriali” è dunque la promozione dell’integrazione dell’offerta fra beni culturali e ambientali, con conseguente valorizzazione del territorio attraverso la cultura.


Project for a PARK OF THE IMMATERIAL RESOURCES OF THE TERRITORY (P.R.I.T.)
It exists in our territory a patrimony of traditions, knowledge, practices of the orality, different from other resources (for instance natural resources, buildings of historical value, archaeological complexes, etc.) for being intangible. For such fundamental characteristic this patrimony risks not to remain, not to be handed down, to disappear, so much more in a society that seems to have lost the ability of memory.
The project for the constitution of a "Park of the immaterial resources" could promote and guarantee the knowledge, the protection, the life, the further development in the time, the usability of the immaterial resources.
The power centre of the whole project is the Regional Natural Reserve "Lecceta di Torino di Sangro", with the territorial areas of the surrounding towns.
The thematic areas indicated by the project are essentially three: the people, with their immaterial patrimony (handicraft knowledge, story, song, etc.), the memory, the places.
The "Park" is structured in disciplinary research areas and has a practical connotation in a series of activities, as follows.

Research areas:
· Oral narration (narrators, narration techniques, histories repertoire, hand codes, etc.);
· Further practices of the body and the word (popular song, theatre, dance, poetic creation, etc.);
· Other knowledge.

Activities:
· Census of the people and their knowledge;
· Map of people, places and knowledge;
· Park of the stories (the indication of the depositaries and the places in which to listen to the histories of the oral patrimony);
· Collection of testimonies;
· Guided tours (simple, along a route that allows to intercept people, places and material of the "Park"; "special", that foresee the permanence of the guests for a whole day);
· Theatre workshops;
· The "Country of the stories";
· Park ehxibition;
· Travel in a place;
· Multimedia library;
· Information material.

The last finality of the project, denominated "Park of the Immaterial resources" it is therefore the promotion of the integration of the offer among cultural and environmental good, with consequent exploitation of the territory through the culture.

.

11 January 2011

AdriaPAN in Korba (Tunisia) with MedPAN

.
Partecipazione di Adriapan a Korba (Tunisia) dal 12 al 16 dicembre 2010 all’Assemblea Generale e al Consiglio Direttivo di MedPAN per la realizzazione di un progetto sullo sviluppo di un database comune sulle AMP Mediterranee.
MedPAN è il Network mediterraneo delle Aree Marine Protette. Il network conta oltre 18 membri principalmente tra i manager di AMP nell’intero bacino mediterraneo e 6 partner desiderosi di contribuire al rafforzamento del network.
Il miglior risultato raggiunto è senza dubbio la sintesi svolta in sede di Steering Committee sugli obiettivi del database che si vuole realizzare per le aree protette del Mediterrano che non potrà essere l’ennesimo webgis; come sottolineato da Charles BESANCON, responsabile del programma Aree Protette dell’UNEP/WCMC, dato che esistono ormai molti strumenti simili che hanno impegnato risorse nel mondo per milioni di euro salvo poi non avere dati a sufficienza per essere utili alla comunità. Meglio quindi un database solido e con elementi omogenei su tutto il mediterraneo che un potente strumento di analisi che richiederebbe conoscenze troppo specialistiche per essere utilizzato.
Per realizzare questo obiettivo è stato proposto e votato quindi che si costituisca una commissione ristretta di tecnici specialisti per la validazione delle linee guida e dei contenuti che si verrà convocato e si riunirà nei primi mesi del 2011.
Per questo incontro AdriaPAN è stata rappresentata da Saul CIRIACO, dell’AMP Miramare, che si interessa da molti anni di tematiche legate al GIS e ai sistemi integrati di database.
Lo Steering Committee è stata una splendida occasione di portare l’esperienza di un network adriatico come AdriaPAN all’attenzione di un uditorio di livello regionale mediterraneo che si è dimostrato sensibile alle questioni di bacino Adriatico.

Adriapan at “MEDPAN EXPERIENCE-SHARING WORKSHOP, GENERAL ASSEMBLY AND STEERING COMMITTEE of the project for a common database on Mediterranean MPA” from 12 to 14 December 2010 in Korba, Tunisia. Organized by: MedPAN the Tunisian Coastal Protection and Planning Agency (APAL) with the support of the RAC/SPA.MedPAN is the network of managers of marine protected areas in the Mediterranean.
The objective of the network is to improve the effectiveness of marine protected areas management in the Mediterranean. The MedPAN network today counts over 18 members, mainly managers of marine protected areas from the entire Mediterranean basin, and 6 partners that are keen to contribute to the strengthening of the network.
The best achievement was the identification of clear objectives for the database; it should not be yet another webgis, as pointed out by Charles Besançon, head of the Protected Areas Programme UNEP / WCMC, and we agreed, many similar tools have committed resources in the world for millions of euro without enough data to be useful to the community. It‘s better a well structured database with homogeneous elements throughout the Mediterranean instead of a powerful analysis tool that would require really a deep knowledge to be used. To achieve this goal was proposed and then voted to select a committee of technical specialists to validate guidelines and content that will be convened and will meet in early 2011.
For this meeting AdriaPAN was represented by Saul Ciriaco who come from Miramare AMP and whose skill are marine biology, GIS database etc: has worked and developed on behalf of the RAC/SPA Tunis one of the first database on the Mediterranean MPAs and some GIS system at national and Mediterranean level.The Steering Committee was a wonderful opportunity to share the Adriapan network experience with an audience of Mediterranean level; indeed, the feel was good!
.

5 January 2011

New members in AdriaPAN, "Punta Aderci" .... and more

.
"Punta Aderci", una delle più belle zone costiere protette in Abruzzo, è la 23a area protetta che si unisce ad AdriaPAN. Il Comune di Vasto, Ente di gestione della Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci, ha sottoscritto la Carta di Cerrano e si è unito alla rete adriatica.
Anche altre organizzazioni hanno aderito ad AdriaPAN. Negli ultimi due mesi quattro nuove richieste di essere partner in progetti AdriaPAN provengono dalle associazioni e imprese di seguito elencati.


"Punta Aderci", a coastal protected areas in Abruzzo-Italy, is the 23rd protected area in AdriaPAN. The Municipality of Vasto, Park Authority of the Punta Aderci Regional Natural Reserve, has subscribed the Cerrano Charter and joined to the Adriatic network.
Other organizations joined to AdriaPAN as well. In the last two months four new requests to be partner in AdriaPAN projects come from the associations and enterprises listed below.

Nuove adesioni ad AdriaPAN:
New AdriaPAN partners:
-LANDS, Professional network- Maranello (Mo) ITA.
-Monk Seal Group, Association- Italy and Slovenia.
-BluMarineService, scarl- San Benedetto Tr. (Ap) ITA.
-Nature Survey, Association- Milano ITA.
.
Per sottoscrizioni e adesioni alla Carta di Cerrano (Cerrano Charter) scrivi al segretariato di Adriapan:

To Join in AdriaPAN write to AdriaPAN Secretariat:

info@adriapan.org

Follow by Email

Total Pageviews

Visita numero

Chi cura il Blog?

Chi cura il Blog?
CLICK